COMUNE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE


ART. 143 DEL T.U.E.L COMMA 1 I consigli comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito degli accertamenti effettuati a norma dell ‘articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci, e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all ‘art. 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un ‘alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali o provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino arrecare danno e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica “. La disposizione in esame non definisce espressamente in quali casi debba ritenersi sussistente il collegamento con la criminalità organizzata rilevante ai fini dello scioglimento (cioè adeguato ad esercitare un condizionamento sull' ente che si riverberi sul buon andamento e sulla sicurezza pubblica). ....una adeguata indagine ovvero valutazione sulla posizione degli "amministratori". Nel vigente sistema normativo, lo scioglimento dell'organo elettivo si connota, pertanto, quale "misura di carattere straordinario" per fronteggiare "una emergenza straordinaria" (così Corte Costo 19 marzo 1993, n. 103, nell'escludere profili di incostituzionalità nel previgente art. 15-bis 1.19 marzo 1990, n.55)".


L'asse portante della valutazione che presiede allo scioglimento è costituito, da un lato, dalla accertata o notoria diffusione sul territorio di fenomeni di criminalità organizzata e, dall'altro, dalle precarie condizioni difunzionalità dell'ente territoriale".






sabato 18 gennaio 2014

RENZUSCONI INCONTRA BERLUSCONI Lancio di uova su auto di Berlusconi


Nella sede del Pd: "Arriva Berlusconi? Meglio qui che ad Arcore"


Nella sede nazionale del Pd a Roma si aspetta l'arrivo del leader di Forza Italia, che tra poco inconterà Renzi per parlare di legge elettorale proprio al Nazareno. Una profanazione, secondo alcuni dei militanti e degli impiegati presenti in sede, portare l'avversario storico sotto le insegne del partito mentre altri approvano la scelta del segretario dem, "farlo venire qui costituisce una garanzia sul fatto che siamo noi a dare le carte". Renzi ha scherzato sul fatto che Berlusconi siederà sotto una foto di Che Guevara e Fidel Castro, presente nell'ufficio del segretario. Ma tenere quel simbolo tradizionale della sinistra nellle stanze del Partito democratico ha ancora un senso? Anche su questo i pareri si dividono (video di Marco Billeci)




INCONTRO STORICO - L’incontro è statodi certo storico. Di sicuro è la prima volta che Berlusconi mette piede nella sede del Pd. Obiettivo: una riforma delle legge elettorale. Il «Porcellum», con cui è stato eletto l’ultimo Parlamento, è stato «decapitato» da una sentenza della Corte costituzionale. E ora è tutto da rifare. Il modello di cui hanno discusso Renzi e Berlusconi è quello spagnolo, rivisto all’italiana. In ballo due tipi di soglie, al 4-5% e all’8% a seconda che ci sia o meno un apparentamento. L’incontro sta però mettendo in fibrillazione la sinistra Pd, contraria alla trattativa con il leader Fi, e lo stesso governo.



RENZI, GLI INCONTRI DELLA MATTINA - In mattinata il sindaco di Firenze - giunto al Nazareno un’ora prima di Berlusconi, con il Freccia Rossa (guarda la gallery della giornata) - ha incontrato il segretario di Scelta civica, Stefania Giannini, e il segretario del Psi, Riccardo Nencini. Renzi è poi partito per Roma dove, nella sede del Pd alle 16, è partito il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

http://www.corriere.it/politica/14_gennaio_18/renzi-prima-berlusconi-vede-scelta-civica-socialisti-9abf4c80-8023-11e3-be9a-e1e430257234.shtml


RENZUSCONI INCONTRA BERLUSCONI Lancio di uova su auto di Berlusconi

18 GENNAIO 2014, ALFANO, bersani, Casta, DECADENZA SENATORE BERLUSCONI, GOVERNO, Grasso, grillo, Legge elettorale, LETTA, MAFIA, MATTEO RENZI, PARLAMENTO ILLEGITTIMO, RENZUSCONI, Speranza, TRUFFA, 

Nessun commento:

Posta un commento