COMUNE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE


ART. 143 DEL T.U.E.L COMMA 1 I consigli comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito degli accertamenti effettuati a norma dell ‘articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci, e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all ‘art. 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un ‘alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali o provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino arrecare danno e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica “. La disposizione in esame non definisce espressamente in quali casi debba ritenersi sussistente il collegamento con la criminalità organizzata rilevante ai fini dello scioglimento (cioè adeguato ad esercitare un condizionamento sull' ente che si riverberi sul buon andamento e sulla sicurezza pubblica). ....una adeguata indagine ovvero valutazione sulla posizione degli "amministratori". Nel vigente sistema normativo, lo scioglimento dell'organo elettivo si connota, pertanto, quale "misura di carattere straordinario" per fronteggiare "una emergenza straordinaria" (così Corte Costo 19 marzo 1993, n. 103, nell'escludere profili di incostituzionalità nel previgente art. 15-bis 1.19 marzo 1990, n.55)".


L'asse portante della valutazione che presiede allo scioglimento è costituito, da un lato, dalla accertata o notoria diffusione sul territorio di fenomeni di criminalità organizzata e, dall'altro, dalle precarie condizioni difunzionalità dell'ente territoriale".






giovedì 18 ottobre 2012

ILLEGITTIMI GLI ATTI DELLA COMMISSIONE ELETTORALE COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE A RISCHIO L'ELEZIONE DEGLI SCRUTATORI?


Il vicepresidente del Consiglio Comunale di Isola delle 

Femmine Vincenzo  Dionisi prende carta e penna e 

scrive all’Assessorato Regione Sicilia Ufficio  Controllo 

Enti Locali,al Prefetto di Palermo alla Procura della 

Repubblica   per denunciare l’ennesimo caso di 

“superficialità” di poco rispetto delle  regole   di 

trasparenza perpetrato dalla Giunta Portobello.


COMUNICATO STAMPA

La Commissione Prefettizia, insediatasi lo scorso aprile presso il Comune di Isola delle Femmine, per accertare l’eventuale sussistenza di infiltrazioni mafiose in seno all’ente locale, sembra abbia riscontrato una serie di provvedimenti illegittimi adottati dall’Amministrazione Portobello, eppure Giunta e consiglieri continuano a produrre atti poco trasparenti.
Il 16 ottobre si è infatti tenuta una seduta della Commissione Elettorale Comunale per la selezione degli scrutatori, in vista delle Regionali del 28.10.2012: ebbene, nonostante le dimissioni di tutti i componenti del gruppo “Rinascita Isolana” – espressione della minoranza consiliare – rassegnate ormai da mesi; né il Responsabile del I Settore né il Presidente dell’assise civica hanno provveduto a sostituire i componenti dimissionari dell’indicata Commissione, che oggi pertanto risulta illegittimamente costituita, nonché priva del prescritto quorum strutturale.
La seduta della Commissione Elettorale Comunale del 16 ottobre è stata illegittimamente presieduta da un Consigliere Comunale Signor Peloso Alberto delegato del Sindaco in contrasto con quanto previsto dal DPR 223 20 marzo 1967 art 14 co.1  “ La commissione elettorale comunale è presieduta dal Sindaco. Qualora il sindaco sia assente o impedito ne fa le veci l’assessore delegato o l’assessore anziano”    
Sulla scorta delle circolari interpretative e della giurisprudenza più volte ribadita dall’Assessorato Regionale Enti Locali, non v’è dubbio che tutti gli atti approvati dalla Commissione Elettorale, a far data dalla mancata sostituzione dei rappresentanti della minoranza, siano contra legem e vadano revocati, ad iniziare dalla deliberazione di nomina degli scrutatori dei seggi elettorali, per la consultazione del 28 ottobre prossimo.
La delicatezza della materia – afferente l’esercizio del diritto di voto, costituzionalmente garantito – in un contesto di particolare tensione amministrativa e di emergenza-legalità, imporrebbe una diversa sensibilità istituzionale ed un più vigoroso rispetto della legge.
Nell’attesa delle determinazioni del Ministro dell’Interno, in ordine al paventato scioglimento dell’ente locale, speriamo almeno si provveda a ricomporre correttamente la Commissione Elettorale Comunale, perché ad Isola delle Femmine non si tinga di illegittimità anche la prossima ravvicinata tornata elettorale.

Isola delle Femmine, lì 17.10.2012
Vincenzo Dionisi
Vice Presidente del Consiglio Comunale
di Isola delle Femmine


Illustrissimo Dottor Mangano Antonio Salvatore

Ufficio Elettorale
Prefettura di Palermo
Fax 091 338790



Il sottoscritto Dionisi Vincenzo Vice Presidente del Consiglio Comunale del Comune di Isola delle Femmine segnala la gravissima “anomalia”, giuridica legislativa,  registratasi nel seno della Commissione Elettorale Comunale di Isola delle Femmine.
Il Giorno 16 Ottobre 2012 si è svolta una seduta della CEC, per la nomina degli scrutatori alle  elezioni per il rinnovo dell’assemblea della Regione Sicilia del 28 ottobre 2012, la suddetta seduta era presieduta dal un Consigliere Comunale Signor Peloso Alberto delegato dal Sindaco Professor Gaspare Portobello.
Ravvisando  in tale condotta un pregiudizio  all’affermazione del  diritto e delle normative che regolamentano le funzioni  della Commissione Elettorale Comunale che ne affida la presidenza ad  un  assessore delegato o assessore anziano (DPR 223 20 marzo 1967 art 14 co.1).
Con la presente chiedo un intervento immediato dell’Ufficio in indirizzo, al fine di ristabilire il principio di legalità di trasparenza  del rispetto delle leggi e di tutela del diritto delle  pari opportunità per  tutti i Cittadini di Isola delle Femmine.
Si allega:

1)     comunicato stampa che il sottoscritto ha provveduto ad inviare agli organi di stampa ed alle televisioni locali.
2)     Elenco assessori componenti la giunta del Professore Portobello Sindaco
3)     verbale della seduta  del 16 ottobre 2012 della CEC 



Dionisi Vincenzo
Vice Presidente del Consiglio Comunale
Isola delle Femmine
Tel 3391346027

 

Isola delle Femmine 20 ottobre 2012

COMUNICATO STAMPA

Il vicepresidente del Consiglio Comunale di Isola delle  Femmine Vincenzo  Dionisi prende carta e penna e  scrive all’Assessorato Regione Sicilia Ufficio  Controllo  Enti Locali,al Prefetto di Palermo alla Procura della  Repubblica   per denunciare l’ennesimo caso di  “superficialità” di poco rispetto delle  regole   di  trasparenza perpetrato dalla Giunta Portobello.

ILLEGITTIMI GLI ATTI DELLA COMMISSIONE ELETTORALE COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE A RISCHIO L’ELEZIONE DEGLI SCRUTATORI?

La Commissione Prefettizia, insediatasi lo scorso aprile presso il Comune di Isola delle Femmine, per accertare l’eventuale sussistenza di infiltrazioni mafiose in seno all’ente locale, sembra abbia riscontrato una serie di provvedimenti illegittimi adottati dall’Amministrazione Portobello, eppure Giunta e consiglieri continuano a produrre atti poco trasparenti.
Il 16 ottobre si è infatti tenuta una seduta della Commissione Elettorale Comunale per la selezione degli scrutatori, in vista delle Regionali del 28.10.2012: ebbene, nonostante le dimissioni di tutti i componenti del gruppo “Rinascita Isolana” – espressione della minoranza consiliare – rassegnate ormai da mesi; né il Responsabile del I Settore né il Presidente dell’assise civica hanno provveduto a sostituire i componenti dimissionari dell’indicata Commissione, che oggi pertanto risulta illegittimamente costituita, nonché priva del prescritto quorum strutturale.
La seduta della Commissione Elettorale Comunale del 16 ottobre è stata illegittimamente presieduta da un Consigliere Comunale Signor Peloso Alberto delegato del Sindaco in contrasto con quanto previsto dal DPR 223 20 marzo 1967 art 14 co.1  “ La commissione elettorale comunale è presieduta dal Sindaco. Qualora il sindaco sia assente o impedito ne fa le veci l’assessore delegato o l’assessore anziano”    
Sulla scorta delle circolari interpretative e della giurisprudenza più volte ribadita dall’Assessorato Regionale Enti Locali, non v’è dubbio che tutti gli atti approvati dalla Commissione Elettorale, a far data dalla mancata sostituzione dei rappresentanti della minoranza, siano contra legem e vadano revocati, ad iniziare dalla deliberazione di nomina degli scrutatori dei seggi elettorali, per la consultazione del 28 ottobre prossimo.
La delicatezza della materia – afferente l’esercizio del diritto di voto, costituzionalmente garantito – in un contesto di particolare tensione amministrativa e di emergenza-legalità, imporrebbe una diversa sensibilità istituzionale ed un più vigoroso rispetto della legge.
Nell’attesa delle determinazioni del Ministro dell’Interno, in ordine al paventato scioglimento dell’ente locale, speriamo almeno si provveda a ricomporre correttamente la Commissione Elettorale Comunale, perché ad Isola delle Femmine non si tinga di illegittimità anche la prossima ravvicinata tornata elettorale.

Isola delle Femmine, lì 17.10.2012

Vincenzo Dionisi
Vice Presidente del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine
ASSESSORI DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Vice sindaco Turismo, Cultura e Attività Produttive  SALVATORE Palazzotto
Assessore Servizi a rete Lavori pubblici e viabilità  PAOLO Aiello
Assessore scuola, sport, servizi sociali e protezione civile  NAPOLEONE Riso
Assessore all’Igiene Ambientale, Arredo Urbano e Politiche Giovanili  MARCELLO Cutino

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
PROVINCIA DI PALERMO
DELIBERAZIONE  DELLA COMMISSIONE ELETTORALE COMUNALE
N. 21 DELL’16 OTTOBRE 2012
OGGETTO : Elezione del Presidente della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana di domenica 28 ottobre  2012. Nomina scrutatori.

Nell’Ufficio municipale, addì sedici ottobre 2012 , alle ore 12,00, regolarmente convocata , si è riunita in prima convocazione la Commissione Elettorale Comunale, nelle persone dei Signori:
1) Alberto PELOSO - Presidente (Delegato dal Sindaco)
2) Rosaria RISO - Membro effettivo
3) Rosalia BATTAGLIA - Membro supplente
Assistita, con funzioni di Segretario, dal Sig. Dott. Manlio SCAFIDI – Segretario Comunale ,
RICONOSCIUTA legale l’adunanza ai sensi dell’art. 14 del Testo Unico 20 marzo 1967, n. 223, il Presidente invita a procedere a quanto indicato in oggetto.
LA COMMISSIONE
VISTO il Decreto del Presidente della Regione Siciliana n. 35 del 21 agosto 2012 con il quale sono state indette per domenica 28 ottobre 2012 le elezioni del Presidente della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana ;
VISTA la nota prot. n. 12055 circolare n. 17/REG del 11 settembre 2012 con la quale l’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica, Dipartimento Autonomie Locali , rammenta ed evidenzia tutti gli adempimenti di legge connessi alla nomina degli scrutatori;
VISTO l’art.11 , comma 5, del T.U. approvato con Decreto del Presidente della Regione 20 agosto 1960 n. 3 nel testo sostituito con l’art.3 della L. R. 12 agosto 1989 n. 18, il quale stabilisce che tra il 15° e l’8° giorno precedente la data delle elezioni,la Commissione Elettorale Comunale, in pubblica adunanza, preannunciata a mezzo manifesto da affiggersi all’albo pretorio del Comune e nei principali luoghi pubblici, provvede alla nomina delle persone idonee all’Ufficio di scrutatore mediante estrazione a sorte tra i numeri assegnati agli iscritti nell’elenco di coloro che abbiano richiesto l’iscrizione nell’elenco delle persone idonee all’ufficio di scrutatore;
PRESO ATTO che in data 12 ottobre 2012 è stato affisso il manifesto previsto dalla legge per preannunziare la presente adunanza;
VISTO che il corpo elettorale del Comune è ripartito in 5 sezioni elettorali;
DATO ATTO che si è regolarmente provveduto ad estrarre a sorte, chiamando a farlo persone del pubblico presenti in sala, tra i numeri attribuiti agli iscritti nel suddetto elenco riportati in altrettanti bigliettini di carta più volte piegati su sé stessi per non consentirne l’identificazione, secondo l’ordine progressivo delle sezioni, n.25 scrutatori, pari al numero occorrente (5 per ogni sezione ), da assegnare alle cinque sezioni elettorali del Comune, Con voti palesi n. 03 su n. 03 votanti,
 D E L I B E R A

1 - di nominare, per le considerazioni e ragioni indicate in premessa, scrutatori dei seggi Elettorali, per la elezione del Presidente della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana di domenica 28 ottobre 2012 a seguito del sorteggio, gli elettori sotto indicati, assegnandoli alle cinque sezioni elettorali, in ordine progressivo dalla prima alla quinta, secondo l’ordine di estrazione.
2 – dare atto che tutti gli scrutatori sorteggiati sono iscritti nelle liste elettorali di questo Comune ed hanno i requisiti per la nomina.

SEZIONE N.1
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- SCURATO PROVVIDENZA (PALERMO 02/01/1979) VIA STAZIONE N.2
2- VASSALLO ANDREA (CAPACI 22/01/1963) VIA LIBERTA’ N.23
3- CARDINALE PIETRO (PALERMO 15/08/1988) VIA MICHELANGELO N.8
4 – CARDINALE ROBERTO (ISOLA DELLE FEMMINE 19/07/1970) VIA GARIBALDI N.12
5- PUCCIO MARIA ROSALIA (USA 20/03/1978) VIA L. SCIASCIA N.25

SEZIONE N.2
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ABBONDANZA ANNA MARIA (PALERMO 28/07/1978) VIA ROMA N.21
2- MANNINO INES (PALERMO 03/11/1988) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.11
3- BRAVO MARGHERITA (PALERMO 14/01/1983) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.7
4- PENNINO ROSARIO (PALERMO 08/09/1993) VIA C. TERRANOVA N.3
5- PALAZZOLO SALVATORE (PALERMO 20/04/1943) VIA MESSINA N.1

SEZIONE N.3
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- TAMBUZZO GIOVANNA (PALERMO 22/11/1961) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.8
2- LONGO ROBERTA ( PALERMO 18/08/1994) VIA ROMEO N.35
3- BERTE’ ANTONIO (PALERMO 09/08/1992) VIA F. PETRARCA N.8
4- CORRADENGO GIUSEPPA (PALERMO 01/09/1977) VIA S. D’ACQUISTO N.7
5- SCILLUFO MARIA VIRGINIA (PALERMO 11/03/1982 ) VIA MICHELANGELO N.49

SEZIONE N4
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ENEA PAOLA (PALERMO 18/01/1987) VIA ROMEO N.49
2- BILLECI ANTONINO (PALERMO 12/07/1988) VIALE MARINO N.21

Con voti palesi n. 03 su n. 03 votanti, D E L I B E R A

1 - di nominare, per le considerazioni e ragioni indicate in premessa, scrutatori dei seggi Elettorali, per la elezione del Presidente della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana di domenica 28 ottobre 2012 a seguito del sorteggio, gli elettori sotto indicati, assegnandoli alle cinque sezioni elettorali, in ordine progressivo dalla prima alla quinta, secondo l’ordine di estrazione.
2 – dare atto che tutti gli scrutatori sorteggiati sono iscritti nelle liste elettorali di questo Comune ed hanno i requisiti per la nomina.

SEZIONE N.1
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- SCURATO PROVVIDENZA (PALERMO 02/01/1979) VIA STAZIONE N.2
2- VASSALLO ANDREA (CAPACI 22/01/1963) VIA LIBERTA’ N.23
3- CARDINALE PIETRO (PALERMO 15/08/1988) VIA MICHELANGELO N.8
4 – CARDINALE ROBERTO (ISOLA DELLE FEMMINE 19/07/1970) VIA GARIBALDI N.12
5- PUCCIO MARIA ROSALIA (USA 20/03/1978) VIA L. SCIASCIA N.25

SEZIONE N.2
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ABBONDANZA ANNA MARIA (PALERMO 28/07/1978) VIA ROMA N.21
2- MANNINO INES (PALERMO 03/11/1988) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.11
3- BRAVO MARGHERITA (PALERMO 14/01/1983) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.7
4- PENNINO ROSARIO (PALERMO 08/09/1993) VIA C. TERRANOVA N.3
5- PALAZZOLO SALVATORE (PALERMO 20/04/1943) VIA MESSINA N.1

SEZIONE N.3
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- TAMBUZZO GIOVANNA (PALERMO 22/11/1961) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.8
2- LONGO ROBERTA ( PALERMO 18/08/1994) VIA ROMEO N.35
3- BERTE’ ANTONIO (PALERMO 09/08/1992) VIA F. PETRARCA N.8
4- CORRADENGO GIUSEPPA (PALERMO 01/09/1977) VIA S. D’ACQUISTO N.7
5- SCILLUFO MARIA VIRGINIA (PALERMO 11/03/1982 ) VIA MICHELANGELO N.49

SEZIONE N4
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ENEA PAOLA (PALERMO 18/01/1987) VIA ROMEO N.49
2- BILLECI ANTONINO (PALERMO 12/07/1988) VIALE MARINO N.21
D E L I B E R A
1 - di nominare, per le considerazioni e ragioni indicate in premessa, scrutatori dei seggi Elettorali, per la elezione del Presidente della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana di domenica 28 ottobre 2012 a seguito del sorteggio, gli elettori sotto indicati, assegnandoli alle cinque sezioni elettorali, in ordine progressivo dalla prima alla quinta, secondo l’ordine di estrazione.
2 – dare atto che tutti gli scrutatori sorteggiati sono iscritti nelle liste elettorali di questo Comune ed hanno i requisiti per la nomina.

SEZIONE N.1
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- SCURATO PROVVIDENZA (PALERMO 02/01/1979) VIA STAZIONE N.2
2- VASSALLO ANDREA (CAPACI 22/01/1963) VIA LIBERTA’ N.23
3- CARDINALE PIETRO (PALERMO 15/08/1988) VIA MICHELANGELO N.8
4 – CARDINALE ROBERTO (ISOLA DELLE FEMMINE 19/07/1970) VIA GARIBALDI N.12
5- PUCCIO MARIA ROSALIA (USA 20/03/1978) VIA L. SCIASCIA N.25

SEZIONE N.2
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ABBONDANZA ANNA MARIA (PALERMO 28/07/1978) VIA ROMA N.21
2- MANNINO INES (PALERMO 03/11/1988) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.11
3- BRAVO MARGHERITA (PALERMO 14/01/1983) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.7
4- PENNINO ROSARIO (PALERMO 08/09/1993) VIA C. TERRANOVA N.3
5- PALAZZOLO SALVATORE (PALERMO 20/04/1943) VIA MESSINA N.1

SEZIONE N.3
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- TAMBUZZO GIOVANNA (PALERMO 22/11/1961) VIA SAN GIOVANNI BOSCO N.8
2- LONGO ROBERTA ( PALERMO 18/08/1994) VIA ROMEO N.35
3- BERTE’ ANTONIO (PALERMO 09/08/1992) VIA F. PETRARCA N.8
4- CORRADENGO GIUSEPPA (PALERMO 01/09/1977) VIA S. D’ACQUISTO N.7
5- SCILLUFO MARIA VIRGINIA (PALERMO 11/03/1982 ) VIA MICHELANGELO N.49

SEZIONE N4
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- ENEA PAOLA (PALERMO 18/01/1987) VIA ROMEO N.49
2- BILLECI ANTONINO (PALERMO 12/07/1988) VIALE MARINO N.21
3- BILLECI SALVATORE ( PALERMO 22/11/1982) VIA DI MAGGIO N.79
4- CROCE MARIA GRAZIA (ISOLA DELLE FEMMINE 18/11/1959) VIA CATANIA N.13
5- TERRENO ROSA (ISOLA DELLE FEMMINE 07/02/1973) VIALE DEI PINI N.14

SEZIONE N.5
GENERALITA’ DEGLI SCRUTATORI SORTEGGIATI E LORO INDIRIZZI
1- D’ALESSANDRO ROSARIA (PALERMO 19/05/1959) VIA E. LOI N.4
2- CARDINALE PAOLO GIUSEPPE (PALERMO 16/03/1962) VIA LIBERTA’ N.145
3- FAVAROTTA NUNZIA ( PALERMO 22/11/1971) VIA SICILIA N.6
4- OCCHIPINTI RANIERI (GENOVA 25/03/1986) VIA F. PETRARCA N.13
5- AMMAR NADIA ( PALERMO 04/09/1992) VIA NAPOLI N.5

Copia del presente verbale viene trasmessa alla Commissione Elettorale Circondariale, al Sig. Prefetto della Provincia di Palermo, ed al Tribunale di Palermo e Termini Imerese.
Letto e sottoscritto.
I COMMISSARI IL PRESIDENTE (Delegato dal Sindaco)
DELLA COMMISSIONE ELETTORALE COMUNALE
F.to Alberto PELOSO
F.to Rosaria RISO
F.to Rosalia BATTAGLIA
IL SEGRETARIO
F.to Dott. Manlio SCAFIDI



FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE ELETTORALE  D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223


12. (Legge 7 ottobre 1947, n. 1058, art. 12, commi 1° e 2°, e legge 22 gennaio 1966, n. 1, art. 12, commi 1° e 2°). - Il Consiglio comunale, nella prima seduta, successiva alla elezione del sindaco e della Giunta municipale, elegge, nel proprio seno, la Commissione elettorale comunale. La Commissione rimane in carica fino allo insediamento di quella eletta dal nuovo Consiglio.
La Commissione è composta dal sindaco e da quattro componenti effettivi e quattro supplenti nei comuni al cui consiglio sono assegnati fino a 50 consiglieri, da otto componenti effettivi ed otto supplenti negli altri comuni.

14. (Legge 7 ottobre 1947, n. 1058, art. 12, commi 9°, secondo periodo, 10°, 11° e 12°, e legge 22 gennaio 1966, n. 1, art. 12, commi 7°, 8°, 9° e 10°). - La Commissione elettorale comunale è presieduta dal sindaco. Qualora il sindaco sia assente, impedito o non in carica, ne fa le veci l'assessore delegato o l'assessore anziano. Se il sindaco è sospeso dalle funzioni di ufficiale del Governo, la Commissione è presieduta dal commissario prefettizio incaricato di esercitare dette funzioni.
Le funzioni di segretario della Commissione sono esercitate dal segretario comunale, o da un funzionario da lui delegato.
Per la validità delle riunioni della Commissione è richiesto l'intervento della maggioranza dei componenti. In seconda convocazione le riunioni sono valide se il numero dei presenti non sia inferiore a tre se la Commissione è composta di sette membri ed a quattro se è composta di nove. Le decisioni sono adottate a maggioranza di voti; in caso di parità prevale il voto del presidente.
I membri supplenti prendono parte alle operazioni della Commissione soltanto in mancanza dei componenti effettivi e in corrispondenza delle votazioni con le quali gli uni e gli altri sono risultati eletti dal Consiglio comunale.

15. (Legge 7 ottobre 1947, n. 1058, art. 12, ultimo comma e legge 22 gennaio 1966, n. 1, art. 12, commi 11°, 12°, 13° e 14°). - I membri della Commissione elettorale comunale che senza giustificato motivo non prendono parte a tre sedute consecutive sono dichiarati decaduti. La decadenza è pronunciata dal Consiglio comunale nella prima seduta successiva alla terza assenza e comunque non prima che sia decorso il termine di dieci giorni dalla notificazione giudiziale all'interessato della proposta di decadenza. Qualsiasi cittadino del Comune può promuovere la dichiarazione di decadenza.
Quando, per qualunque causa, i membri effettivi e supplenti della Commissione si siano ridotti in numero inferiore a quello richiesto per la validità delle riunioni, la Commissione decade ed il Consiglio comunale deve procedere alla sua rinnovazione con procedura d'urgenza in caso di necessità, e in ogni caso entro un mese dal verificarsi dell'ultima vacanza.
Finché la Commissione non sarà ricostituita, in caso di necessità le relative funzioni saranno svolte da un commissario prefettizio.
Nei Comuni retti da commissario, i componenti della Commissione elettorale comunale restano in carica sotto la presidenza del commissario stesso; nel caso in cui non si raggiunga il minimo legale nella riunione di seconda convocazione provvede il commissario.

Nessun commento:

Posta un commento