COMUNE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE


ART. 143 DEL T.U.E.L COMMA 1 I consigli comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito degli accertamenti effettuati a norma dell ‘articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci, e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all ‘art. 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un ‘alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali o provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino arrecare danno e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica “. La disposizione in esame non definisce espressamente in quali casi debba ritenersi sussistente il collegamento con la criminalità organizzata rilevante ai fini dello scioglimento (cioè adeguato ad esercitare un condizionamento sull' ente che si riverberi sul buon andamento e sulla sicurezza pubblica). ....una adeguata indagine ovvero valutazione sulla posizione degli "amministratori". Nel vigente sistema normativo, lo scioglimento dell'organo elettivo si connota, pertanto, quale "misura di carattere straordinario" per fronteggiare "una emergenza straordinaria" (così Corte Costo 19 marzo 1993, n. 103, nell'escludere profili di incostituzionalità nel previgente art. 15-bis 1.19 marzo 1990, n.55)".


L'asse portante della valutazione che presiede allo scioglimento è costituito, da un lato, dalla accertata o notoria diffusione sul territorio di fenomeni di criminalità organizzata e, dall'altro, dalle precarie condizioni difunzionalità dell'ente territoriale".






sabato 9 aprile 2011

Isola delle Femmine Rifiuti ancora incendi

Isola delle Femmine  Rifiuti ancora incendi


Prosegue l’emergenza rifiuti a Isola delle Femmine, ci vorranno parecchi giorni affinché si ritorni alla “normalità” per  riuscire ad eliminare  i tantissimi cumuli di immondizia di cui è ricoperto  l’intero paese di Isola delle Femmine. Erano le ore 23 e in  Via Garibaldi inondata di immondizia, si elevavano fiamme alte qualche metro, provocando fumo e una puzza maleodorante, L’intervento tempestivo dei vigili del fuoco ha evitato il pericolo alle abitazioni situate nelle immediate vicinanze della discarica andata in fiamme. Intanto dallo stabilimento della Italcementi fumate nere e continue  si “distendevano” sino alla punta di Capo Gallo. Puzza  di zolfo, ammoniaca, uova marce ……rendevano l’aria ancora più irrespirabile.  


 C'è da chiedersi:
C'E' UN RESPONSABILE DI QUESTO

DISASTRO?

 SI! QUESTO è IL LUOGO
DOVE MI E' STATO NEGATO
IL MIO LEGITTIMO
DIRITTO ALLA  LIBERTA'
DI INFORMAZIONE.
Il responsabile?
Lo squadrista ROSSO

 C'è da chiedersi:
se vi è coscienza dei gravissimi rischi

sanitari a cui noi TUTTI Cittadini
siamo esposti?

 Diossine Diossine Diossine Diossine

 IN QUESTO MOMENTO!
Alla nostra sinistra la
ITALCEMENTI CON LE SUE EMISSIONI
INQUINANTI rende l'aria irrespirabile
la puzza che prende alla gola e.....

 Qualcuno avrà pur pensato
che siamo accanto
ad un presidio sanitario

 E' vero c'è anche il cimitero!

 Sotto accusa il Sindaco di Napoli
accusata di epidemia colposa e
abuso d'ufficio per avere
consentito la permanenza
di cumuli di rifiuti in strada

Invece a Isola delle Femmine
si perseguita si minaccia si accusa
di essere mafioso
chi esercita il libero diritto
di informazione

Rifiuti notturni

Il luogo dell'incendio
qualche ora prima




Una ora prima del fuoco!

Operai della temporarary al
lavoro solo ieri
hanno percepito lo stipendio di
FEBBRAIO

Operai della temporarary al
lavoro maneggiano con
le nudi mani
i rifiuti ormai in decomposizione

Operai della temporarary al
lavoro senza alcuna norma
di protezione antiinfortunistica
la legge 626 questa sconosciuta




Isola delle Femmine Bruciano i Rifiuti
di isolapulita



 
Cresce l'esasperazione dei cittadini di Isola delle Femmine  per i cumuli di rifiuti in strada. Ormai l'immondizia sta invadendo  le  sedi stradali creando dei seri rischi alla circolazione stradale. Si parla di qualche tonnellata di immondizia accatasta nelle 56 improvvisate discariche a cielo aperto. Intanto dopo la scorsa notte si va intensificando il lavoro dei vigili del fuoco impegnati a spegnere i roghi dei cumuli di immondizia.
Oggi a Isola delle Femmine ci sono voluti ben 2 mezzi dei vigili del fuoco per domare le fiamme provenienti dai cumuli di immondizia "posteggiati" in  viale della Torre oggi alle ore 14 l'aria è diventata irrespirabile. I Cumuli di immondizia che ormai si affacciano su tutto il litorale marino di Isola può creare problematiche di inquinamento dovuto al percolato,una sostanza fluida, inquinante e pericolosa ed è la  parte liquida che rilasciano nel tempo  i rifiuti  con la loro  decomposizione , si infiltra  nel terreno e raggiunge così  le falde acquifere
 Rifiuti Percolato Diossine "Falde acquifere" "Raccolta differenziata" Pappagallo "Pennuto Rosso" PALmuto Cecchino Leoncino "Isola delle Femmine" "Vigili del Fuoco" Incendi Discariche "ATO PA1"




Nessun commento:

Posta un commento