COMUNE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE


ART. 143 DEL T.U.E.L COMMA 1 I consigli comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito degli accertamenti effettuati a norma dell ‘articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci, e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all ‘art. 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un ‘alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali o provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino arrecare danno e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica “. La disposizione in esame non definisce espressamente in quali casi debba ritenersi sussistente il collegamento con la criminalità organizzata rilevante ai fini dello scioglimento (cioè adeguato ad esercitare un condizionamento sull' ente che si riverberi sul buon andamento e sulla sicurezza pubblica). ....una adeguata indagine ovvero valutazione sulla posizione degli "amministratori". Nel vigente sistema normativo, lo scioglimento dell'organo elettivo si connota, pertanto, quale "misura di carattere straordinario" per fronteggiare "una emergenza straordinaria" (così Corte Costo 19 marzo 1993, n. 103, nell'escludere profili di incostituzionalità nel previgente art. 15-bis 1.19 marzo 1990, n.55)".


L'asse portante della valutazione che presiede allo scioglimento è costituito, da un lato, dalla accertata o notoria diffusione sul territorio di fenomeni di criminalità organizzata e, dall'altro, dalle precarie condizioni difunzionalità dell'ente territoriale".






sabato 11 dicembre 2010

ISOLA DELLE FEMMINE. CHIESTO il RINVIO A GIUDIZIO PER il SINDACO PORTOBELLO E RISO NAPOLEONE

ISOLA DELLE FEMMINE. CHIESTO RINVIO A GIUDIZIO PER PORTOBELLO E RISO

10 dicembre 2010 



Sarà celebrata il prossimo 17 gennaio l’udienza preliminare del procedimento penale a carica del sindaco di Isola delle Femmine Gaspare Portobello e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Napoleone Riso. Per il primo cittadino è stato chiesto il rinvio a giudizio per il reato di abuso d’ufficio, mentre all’assessore Riso, all’epoca dei fatti Presidente Presidente del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine, viene contestata l’omissione di atti d’ufficio e la minaccia grave ai danni dell’allora capogruppo di opposizione Antonino Rubino. La vicenda finita in Procura ruota attorno ad una concessione edilizia rilasciata dall’Ufficio Tecnico Comunale il 6 giugno del 2006, in favore di un costruttore locale che avrebbe poi volturato il progetto al genero Napoleone Riso, cugino del sindaco Portobello; quest’ultimo, nonostante i legami di parentela, non si sarebbe astenuto dal partecipare alla Commissione Edilizia, e avrebbe approvato il provvedimento di concessione.

“Se mi denunci ti faccio saltare in aria” (seduta C.C. 10 marzo 2008)

Il gruppo consiliare di opposizione Insieme per Isola delle Femmine, che deteneva la maggioranza numerica in aula, pare che avesse chiesto a più riprese di discutere la vicenda in Consiglio Comunale, ma il Presidente Napoleone Riso, avrebbe omesso di convocare l’assise, rivolgendo al consigliere di opposizione Nino Rubino espressioni minacciose. La consulenza disposta dal Pubblico Ministero avrebbe confermato, però, i dubbi sull’operato del sindaco Portobello e del Presidente Riso, affermando l’illegittimità della concessione edilizia rilasciata nell’ambito del piano di lottizzazione “La Paloma” all’attuale assessore alla pubblica istruzione, di cui è stato richiesto il rinvio a giudizio così come per il sindaco Portobello. Sulla vicenda interviene il movimento politico Rinascita Isolana, coordinato dall’ex sindaco Stefano Bologna, che ha pure denunciato presunte illegittimità di alcune concessioni edilizie rilasciate nel periodo pre elettorale del 2009 e per le quali l’Arta avrebbe già chiesto l’annullamento. “Il caos urbanistico – si legge in una nota- acquista dimensioni spropositate e in paese si moltiplicano i sequestri dei cantieri e le segnalazioni di abusi e difformità”. Per il sindaco di Isola delle Femmine Gaspare Portobello si tratta dell’ennesima calunnia da parte di un gruppo politico disperato e che, come sempre in malafede, si attacca a qualunque pretesto. Il sottoscritto- scrive il primo cittadino in una nota – è accusato di una presunta parentela, peraltro inesistente, come sarà facilmente dimostrato. Sono assolutamente sereno – prosegue Portobello – nella piena consapevolezza di poter dimostrare la mia innocenza. Sicuramente preoccupante, sarebbe stato, piuttosto, l’eventuale accusa di corruzione avvenuta tramite intercettazioni ambientale o telefoniche, come notizie di cronaca riportate dalla stampa nel maggio 2009 che riguardavano l’attuale coordinatore del gruppo  Rinascita Isolana Stefano Bologna.

stampa questa notizia

http://www.teleoccidente.it/wp/?p=15109

"se mi denunci ti faccio saltare in aria, ti faccio vedere chi sono IO"
delibera consiglio comunale 12 10 Marzo 2010




"se mi denunci ti faccio saltare in aria, ti faccio vedere chi sono IO"




 delibera consiglio comunale 12 10 Marzo 2010

“Rubino se mi denuncia ti faccio saltare in aria, ti faccio vedere chi sono io”





Dichiarazione Presidente Riso Napoleone
Delibera C.C. 12 10.03.08

“Rubino se mi denuncia ti faccio saltare in aria,
ti faccio vedere chi sono io”




Dichiarazione Presidente Riso Napoleone
Delibera C.C. 12 10.03.08

“I soldi dei miei figli non si toccano,
il pane dei miei figli”




Sindaco Gaspare Portobello prossimo congiunto
del Presidente Riso Napoleone

Violazione art 45 D.Lgs 80/98




Sindaco Gaspare Portobello prossimo congiunto
del Presidente Riso Napoleone

Violazione art 19 co 3° L.Reg 23/98


Sindaco Gaspare Portobello prossimo congiunto
del Presidente Riso Napoleone

Violazione art 78 co 3° T.U. Enti Locali 267/2000



Sindaco Gaspare Portobello prossimo congiunto
del Presidente Riso Napoleone

Violazione Circolare Ministero Interno 1 27.4.2005


Sindaco Gaspare Portobello prossimo congiunto
del Presidente Riso Napoleone

Partecipazione Comm Edilizia 22 19.5.05
Conc Edilizia 16 1.6.06 rilasciata a Giambona Giuseppa
e volturata a Riso Napoleone ed alla moglie
LUCIDO Maria Stella figlia di Giambona e
del Progettista Lucido Antonino
(suocero del PRESIDENTE del Consiglio Riso Napoleone)


Nessun commento:

Posta un commento