COMUNE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE


ART. 143 DEL T.U.E.L COMMA 1 I consigli comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito degli accertamenti effettuati a norma dell ‘articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci, e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all ‘art. 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un ‘alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali o provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino arrecare danno e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica “. La disposizione in esame non definisce espressamente in quali casi debba ritenersi sussistente il collegamento con la criminalità organizzata rilevante ai fini dello scioglimento (cioè adeguato ad esercitare un condizionamento sull' ente che si riverberi sul buon andamento e sulla sicurezza pubblica). ....una adeguata indagine ovvero valutazione sulla posizione degli "amministratori". Nel vigente sistema normativo, lo scioglimento dell'organo elettivo si connota, pertanto, quale "misura di carattere straordinario" per fronteggiare "una emergenza straordinaria" (così Corte Costo 19 marzo 1993, n. 103, nell'escludere profili di incostituzionalità nel previgente art. 15-bis 1.19 marzo 1990, n.55)".


L'asse portante della valutazione che presiede allo scioglimento è costituito, da un lato, dalla accertata o notoria diffusione sul territorio di fenomeni di criminalità organizzata e, dall'altro, dalle precarie condizioni difunzionalità dell'ente territoriale".






venerdì 20 agosto 2010

CHIESTE LE DIMISSIONI DEL SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE PROFESSORE GASPARE PORTOBELLO

APPUNTI PER IL SINDACO PORTOBELLO AL C.C. SULLA LEGALITA'
Caricato da isolapulita




Isola delle Femmine - Chieste le dimissioni del Sindaco G. Portobello
Chieste le dimissioni del primo cittadino di Isola delle Femmine. Dopo che il Gruppo che lo sosteneva ha perso la maggioranza. La minoranza dopo lunghe ed estenuanti battaglie è riuscita a portare in porto l'adozione del Piano Porto, l'adozione del Piano Regolatore generale oltre ad avere approvato dopo opportuna manovra il Bilancio.


ISOLA DELLE FEMMINE CHIESTE LE DIMISSIONI DEL SINDACO PORTOBELLO
dal Comitato Cittadino Isola Pulita
La richiesta delle dimissioni in concomitanza all'inchiesta della magistratura sull'affair Calliope ove è stata perpretata un delle più grandi speculazioni edilizie ed aggressioni al territorio.

DOPO CHE L'OPPOSIZIONE SI E' ASSUNTA L'ONERE DI APPROVARE IL BILANCIO IL PIANO REGOLATORE DEL PORTO IL PIANO REGOLATORE GENERALE E DOPO CHE IL GRUPPO "ISOLA PER TUTTI" HA PERSO LA MAGGIORANZA

NONOSTANTE la politica clientelare dell'attuale amministrazione;

NONOSTANTE la messa in palio di poltrone e poltroncine;

NONOSTANTE le concessioni edilizie e quant'altro;

NONOSTANTE la gestione delle risorse alla come voglio io;

NONOSTANTE lo aumento delle disponibilità finanziarie per sindaco ed assessori;

NONOSTANTE la vicenda per la costruzione dei cinquanta appartamenti della cooperativa della Calliope su un terreno la cui destinazione d'uso era verde agricolo (e su cui in maniera scientifica è stato pianificato l'intervento del Commissario ad acta per il cambio di destinazione d'uso);

NONOSTANTE le reticenze sulla Italcementi; a un certo punto non si capiva dove volevate mettere la nuova torre;

NONOSTANTE le mancate risposte sulla segnalazione dell'ARPA sui preoccupanti dati di inquinamento atmosferico ad Isola delle Femmine (Lei medesimo se ne è fatto portavoce anche se su un palcoscenico distante da Isola, a Capaci forse per essere lontano da orecchie indiscrete);

NONOSTANTE il suo fregarsene delle sollecitazioni che le sono pervenute dai residenti della lottizzazione Lo Bianco sull'inquinamento acustico (che ancora continua vedasi le denunce ed esposti alle Autorità competenti) prodotto dalla Italcementi (è vero sono solo palermitani come dice Lei. A pensare che una volta dicevate sono solo Pescatori, per significare che non bisogna stare dietro a questi personaggi. Quindi per Lei ma non solo per Lei me ne rendo conto benissimo.

Quindi diciamo per la sua BAND: chiunque osi esprimere il suo pensiero a seconda delle circostanze diventa o Estraneo o Pescatore). Un solo suggerimento ci sentiamo di farVi. RicordateVi Signori che non si può parlare di Isola delle Femmine se non parlando dei Pescatori.

I PESCATORI RAPPRESENTANO LA STORIA DI ISOLA DELLE FEMMINE UNA STORIA CHE VA SALVAGUARDATA E DIFESA IN MANIERA STRENUA E DECISA E NON SOLTANTO A cunbenienza

NONOSTANTE la delibera di giunta 69 fattta su misura per assumere due consulenti aventi attualmente con il comune un rapporto di lavoro professionale ed in contemporanea svolgono in proprio attività professionale (vedasi partita IVA e iscrizione Albi per poter rilasciare regolari fatture);

NONOSTANTE le spese affrontate per l'enorme numero di consulenti del sindaco;

NONOSTANTE lo abuso di potere nell'emettere atti di gestione amministrativa (potremmo fare l'esempio della determina n 18);

NONOSTANTE la concessione su un'area non prevista dalla conferenza di servizi 2001, la revoca della licenza della cantierizzazione del raddoppio ferroviario ;

NONOSTANTE la concessione revoca e riconcessione della licenza Saracen;

NONOSTANTE la delibera per il rinnovo delle concessioni delle aree cimiteriali;

NONOSTANTE la poca chiarezza sulla gestione dei loculi cimiteriali, forse una Sua consigliera ha dimenticato di essere titolare di loculi attualmente vuoti (purtroppo proprio in questi giorni nostro malgrado abbiamo fatto esperienza che anche in questi spiacevoli casi ci sono figli e figliastri).

PER LEI SIGNOR SINDACO NON VI ERA UN POSTO LIBERO! MA DICIAMO VERO!

Creda Signor Sindaco , non se ne vuole fare assolutamente una speculazione politica, ma pensiamo che a tutto vi è un LIMITE.
Sarebbe importante se ognuno di noi riconoscesse il proprio limite.
GRAZIE e scusi non interpreti questo come rabbia.
NOI ABBIAMO VISSUTA QUESTA VICENDA COME SOFFERENZA.
UNA SOFFERENZA CHE HA FERITO LE NOSTRE INTELLIGENZE E I NOSTRI CUORI);

NONOSTANTE le Sue reticenze sull'antenna wind shear anche in questo caso ogni giorno cambiava sito di destinazione. E' vero i Soui interlocutori erano importanti e ad alto livello. Bisognava essere remissivi. Un favore non si nega specialmente a questi Signori Cuffaro & C.; NONOSTANTE le gare ed appalti svoltosi in maneira alquanto roccambolesca,

Probabilmente Signori Amministratori dovreste chiederVi : "TUTTI QUESTI NONOSTANTE QUALE IMMAGINE HANNO CREATO DI NOI NEI CITTADINI"

Antonio De Curtis in arte Totò avrebbe risposto: "MA QUESTI SI SON FATTI I CACCHIII LORO"


Tutto ciò gentilissimi Signori ha indotto le persone, i cittadini di Isola delle Femmine a formarsi un'opinione sul Vostro operato ed in parte (ma solo in parte) il riscontro signori amministratori: AIELLO,
PROF PORTOBELLO,
IMPASTATO,
LO PICCOLO,
BELLONE,
SIGNORA CUTINO,
GIUCASTRO,
CUTINO,
RISO,
LUCIDO,
DOTTORESSA RISO;

lo leggete nel sondaggio in un mese su settecentocinquantasei 756 persone che hanno espresso un giudizio sull'operato dell'esecutivo Portobello, settecentotredici 713 danno un giudizio totalmente negativo del Vostro operato.

FORSE A ISOLA E' TORNATA LA POLITICA SIGNOR SINDACO PORTOBELLO
QUINDI IL CONFRONTO
QUINDI LA DEMOCRAZIA
QUINDI LA LEGALITA'
QUINDI LA TRASPARENZA
ECCO PERCHE' DICIAMO LA PASSERELLA E' FINITA

DIMISSIONI SUBITO SENZA SE E SENZA MA!

Comitato Cittadino Isola Pulita
LA MAFIA NEL CARINESE RACCONTATA DA POLIZZI E FRANZESE
Caricato da isolapulita


APPELLO MONSIGNORE MICCICHE' ALLA LEGALITA' ALL'UMILTA'
Caricato da isolapulita

Nessun commento:

Posta un commento